DIGNITÀ DAL GOVERNO MONTI "S.ANNA, RIECCOVI I FONDI"

Sabato, 17 Dicembre 2011

 

amtiRepubblica Firenze, 24 dicembre 2011

Lorenzo Ornaghi ha dato l´annuncio alla commissione cultura del Senato: «Nel bilancio di previsione per l´anno finanziario 2012 e nel bilancio pluriennale 2012-2014, approvato con la legge di stabilità per il 2012, sono stati stanziati 50mila euro a decorrere dal 2012 per il funzionamento del Parco della Pace di Sant´Anna di Stazzema», ha assicurato il ministro. «Somma che sarà iscritta sul pertinente capitolo dello stato di previsione del ministero dell´Interno. Verrà quindi, ripristinata dall´anno prossimo la normale dotazione finanziaria del Parco, luogo che considero di estrema importanza per la sua portata simbolica».
C´è anche qualcosa di più del semplice ripristino del fondo triennale. «La direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Toscana ha chiesto alla competente sovrintendenza di avviare la procedura per sottoporre l´edificio della Vaccareccia alle disposizioni di tutela storica, come luogo simbolo della strage di Sant´Anna», ha aggiunto Ornaghi, accogliendo così in pieno le richieste del sindaco Michele Silicani e del parlamentare lucchese del Pd Andrea Marcucci che aveva sollevato la questione in Senato.

«Questo governo mostra di credere nel progetto del Parco della Pace», dice il sindaco di Sant´Anna. «Questa decisione è un modo per riappropriarsi di una legge che erroneamente era stata soppressa e che è sostenibile dal punto di vista economico e finanziario. Ornaghi sconfessa la manovra dei suoi predecessori e dell´ex sottosegretario Ciro e riconosce la legittimità delle nostre richieste. Ho già proposto al ministro di incontrarci a gennaio non solo per ringraziarlo di persona ma anche per spiegare il lavoro di formazione alla pace che svolgiamo dentro al Parco rivolto in modo particolare ai giovani. Questo è il museo regionale più visitato d´Italia ed è un luogo storico della memoria. E´ importante che il governo stia pensando di vincolare anche tutti gli edifici recuperati e da recuperare dell´antico paese in cui fu compiuta la strage».
Il Parco della Pace vive grazie a tre finanziamenti, due da 50 mila euro a carico del Comune e dello Stato e il terzo, più corposo, della Regione che ogni anno sostiene le attività di Sant´Anna con 135 mila euro.

Insieme all´Associazione partigiani e ai Familiari delle vittime di Marzabotto, la causa di Sant´Anna è stata caparbiamente difesa da Andrea Marcucci, che sottolinea il cambio di passo del governo: «La decisione di ripristinare il finanziamento ha un grande valore simbolico e segna una profonda discontinuità con l´esecutivo precedente. Per tre anni il governo Berlusconi ha negato 50 mila euro all´anno, così come previsto da una legge. Ed era successa la stessa cosa tra il 2001 ed il 2005. Al ministro Ornaghi sono bastati venti giorni per rendersi conto che ci sono impegni che devono essere mantenuti. Sono davvero soddisfatto della sensibilità mostrata. Anche con queste scelte che si riscontra un forte cambiamento con il passato recente».