I SENATORI PD INCONTRANO LA PRESIDENTE BETTARINI

Mercoledì, 20 Aprile 2011

viareggioRepubblica, 19 aprile 2011

"Il Premio di Leonida Rèpaci deve rimanere a Viareggio, gli enti locali devono impegnarsi attivamente a difesa dell'autonomia della prestigiosa istituzione culturale, trovando anche le risorse necessarie per una manifestazione importante per tutta la Toscana e che nelle ultime edizioni ha confermato la sua vitalità, oltre ad una grande visibilità nazionale ed internazionale". Lo scrivono in un appello a doppia firma i senatori del Pd Manuela Granaiola e Andrea Marcucci, che oggi a Roma hanno incontrato la presidente del premio Rosanna Bettarini.

"Abbiamo condiviso il giudizio molto critico nei confronti del Comune di Viareggio e del suo sindaco Luca Lunardini- spiegano i parlamentari- ed abbiamo trovato la disponibilità ad affrontare seriamente le questioni poste dalla presidente e dalla giuria del premio. Il nostro obiettivo è rafforzare il legame tra la manifestazione culturale e la città che da sempre la ospita.

Per questo abbiamo invitato anche la Regione Toscana ad intervenire. Siamo convinti che ci siano ancora spazi possibili di mediazione che evitino il trasferimento di alcune sezioni del Premio in Calabria, certo è che serve la collaborazione di tutti gli enti coinvolti. A questo proposito, aspettiamo anche la risposta del ministro dei beni culturali Galan ad una interrogazione che abbiamo presentato nei giorni scorsi".

Per Granaiola e Marcucci "è preoccupante la situazione che riguarda le principali istituzioni culturali viareggine, dalla Fondazione Puccini ad Europa Cinema, un patrimonio importante che non può essere svenduto".