Rassegna stampa

ELECTION DAY, LA PROPOSTA DEL PD

senatoTg Com del 7 giugno 2012

Tra le proposte del Pd per il dl spending review c’è anche quella di tornare all’Election Day, ovvero concentrare il voto in unica giornata come succede nel resto dell’Europa per dimezzare le spese per ogni tipo di elezione. "Ci auguriamo che la proposta venga accolta in tempi rapidi per consentire l'election day a partire dal 2013, nel turno amministrativo e politico - spiega il primo firmatario Andrea Marcucci - due giorni di urne rappresentano un costo eccessivo ed un'arma inutile contro l'astensionismo".

RENZI, NUOVA SFIDA A BERSANI

repRepubblica, 14 maggio 2012

NON dice ancora: «Mi candido». C´è ancora qualche rebus da sciogliere: la legge elettorale, la coalizione, le mosse del Pd. Per il resto però dice tutto: «Bersani ci faccia sapere la data delle primarie», chiede in tono di sfida il sindaco Matteo Renzi al leader del suo partito. E per un momento l´intero centrosinistra ruota intorno alle ambizioni del sindaco. Quelle di correre per la leadership del centrosinistra prima e di candidarsi per la poltrona di premier alle elezioni politiche poi.
Con un´intervista sul Corriere della Sera di ieri, Renzi torna ad insistere sulle primarie del Pd: «Non vorrei che Bersani pensasse di fondare la propria legittimazione sulle primarie del 2009, se si vota a marzo 2013 si facciano a ottobre o novembre». Ma Bersani alza le spalle: «Ho in testa altre questioni. I problemi sono altri», dice a fine mattinata. Eppoi non c´è ancora una coalizione: «Dobbiamo discutere con chi farà il viaggio con noi. Il Paese ha altri problemi, non ho la testa». No alle primarie del Pd dunque: semmai di coalizione.

Leggi tutto...

REGIONE CONVOCHI FS PER LINEA LUCCA-AULLA

sedutoIl Tirreno 7 gennaio 2012

LUCCA. Subito chiarimenti dalle Ferrovie. L'assessore regionale ai trasporti, Luca Ceccobao, è chiaro: «Aspetto da Rete ferroviaria italiana tutti i dettagli su quanto accaduto sulla linea Lucca-Aulla. Si tratta di un episodio grave. Perciò voglio valutare con attenzione tutti gli elementi per poter capire come sia potuta avvenire una cosa del genere e poter decidere quali azioni intraprendere. È necessario che Rfi fornisca a noi e all'opinione pubblica chiari elementi di giudizio». In realtà, Rfi non ha neppure consentito ai propri macchinisti di parlare con i giornalisti. Né ha rilasciato dichiarazioni di dettaglio sull'incidente avvenuto - denuncia il senatore del Pd, Andrea Marcucci - su una linea «totalmente dimenticata. Lo stato di manutenzione è inesistente, la sicurezza dei passeggeri non contemplata. Mi aspetto che la Regione convochi le Ferrovie e chieda conto della vergognosa situazione della linea, prospettando la risoluzione del contratto». Il fatto che non ci siano stati feriti - aggiungono il deputato Raffaella Mariani e il consigliere regionale Pd Ardelio Pellegrinotti - non rende meno grave l'accaduto: «L'incidente è la goccia che fa traboccare il vaso dopo una lunga serie di inefficienze e trascuratezze.

Leggi tutto...

DOPO PIÙ DI UN SECOLO ESEGUITO A BARGA LIBRETTO DI PASCOLI

bargavedutaCorriere della Sera 2 gennaio 2012

Un Capodanno evocativo nel nome di Giovanni Pascoli quello di ieri a Barga, paese di ottocento abitanti in Lucchesia, amatissimo dal poeta (al borgo e alle sue campane dedicò la poesia «L'Ora di Barga») e ancora oggi uno scrigno di bellezze. Un'apertura dell'anno pascoliano (che avrà il suo clou il 6 aprile nel centenario della morte) tra tecnologia e musica. A Barga, grazie a particolari codici, i «Qr code», impressi su piccole mattonelle disseminate nei punti strategici delle vie e delle piazze, chiunque in possesso di uno smartphone ha potuto ascoltare le poesie più famose del Pascoli semplicemente appoggiando i telefonini ai codici. E poco distante dal paese, all'Auditorium del Ciocco, l'orchestra del Maggio musicale fiorentino ha eseguito dopo 111 anni «Il sogno di Rosetta», l'unica opera con libretto scritto dal poeta. «È solo l'inizio di un calendario molto ricco - dice il senatore Andrea Marcucci (Pd), segretario della Commissione cultura di Palazzo Madama - e sorprendentemente partecipato da istituzioni e singoli cittadini. Un segno di grande risveglio culturale e di amore per questo grade poeta».

PACE FATTA NEL PD DI LUCCA

luccaLa Nazione 20 gennaio 2012

Lucca, 20 gennaio 2012 -E nella sua introduzione il segretario si è soffermato spesso sulla politica nazionale, forse per cercare di evitare di chiarire troppe volte il caso delle primarie chieste da Baccelli e non concesse. Richieste che hanno creato non pochi grattacapi ai vertici locali, regionali e perfino nazionali del Pd. E pur se tutti hanno richiamato all’unità, una leggera tensione, alla fine dei conti, si è notata. Per meglio dire l’hanno notata alcuni stessi simpatizzanti del Pd che ieri si sono ritrovati nella sede storica di piazza S.Francesco insieme al gotha lucchese del partito, dal senatore Andrea Marcucci all’onorevole Raffaella Mariani. «Questo è un bel giorno — commenta Manciulli — : con il lavoro fatto abbiamo dato prova di cos’è un partito. Ringrazio Baccelli che si è reso disponibile a questa sintesi e anche Tambellini che ha dato prova anche lui di come si sta in un partito». A fare eco a Manciulli è stato Baccelli che ha chiarito i motivi della sua richiesta di primarie non senza bacchettare un po’ anche la stampa, rea a suo dire di aver frainteso a volte le sue vere intenzioni.