Attività istituzionale

Monicelli, uomo libero

Roma, 30 novembre - "Un grande regista che ha raccontato come pochi altri l'Italia del Novecento, un viareggino legato sempre al suo mare, ma soprattutto un uomo libero. A scorrere l'elenco dei film che ha girato vengono i brividi: La grande guerra, I soliti ignoti, Amici miei, Un borghese piccolo piccolo, Il marchese del grillo, Speriamo che sia femmina. Ci ha fatto sorridere, lasciandoci sempre l'amaro in bocca".
Così il senatore Andrea Marcucci (PD) ricorda Mario Monicelli scomparso ieri a Roma.
"Era rimasto affezionato alla sua Viareggio- ha proseguito il parlamentare- aveva partecipato al memorial per il disastro ferroviario e non perdeva occassione per tornare in città. Particolarmente stretta anche la relazione con un altro grande viareggino, Mario Tobino. E proprio dal romanzo dell'amico, 'Il deserto della Libia", aveva tratto la sua ultima produzione 'Le rose del deserto'. Monicelli non avrebbe certo amato l'inevitabile retorica dei 'coccodrilli'che si susseguono in queste ore, per questo credo che il modo migliore per onorarlo, come ha scritto Paolo Mereghetti, sia rivedersi tutti i suoi film"

Philadelphia, capofila delle americane per l'anno Vespucciano

Philadelphia, 2 novembre- "Philadelphia sarà la città capofila dell'anno vespucciano che si terrà a Firenze nel 2012".

Lo hanno reso noto i parlamentari Riccardo Migliori, (PDL) e Andrea Marcucci (PD), che lunedì 1 novembre hanno incontrato il sindaco democratico della città Michael Nutter.

I due parlamentari, negli Stati Uniti con la delegazione dell'Osce (di cui Migliori è vice presidente), l'ente chiamato a monitorare l'andamento delle elezioni di mid term, hanno portato al primo cittadino per conto del sindaco di Firenze Matteo Renzi, una copia della Divina Commedia.

"Philadelphia lavorerà per portare a Firenze nel 2012 la conferenza dei sindaci americani- hanno riferito Migliori e Marcucci- un obiettivo a questo punto possibile e che renderebbe più facile anche l'arrivo in Toscana del presidente Obama".

Il sindaco Renzi aveva incontrato il suo collega americano nel gennaio scorso, proprio per coinvolgere l'antica capitale degli Stati Uniti nei festeggiamenti per i 500 anni della morte del navigatore fiorentino, esploratore del Nuovo Mondo.

Il sindaco Nutter ha donato a Matteo Renzi una copia della campana della libertà, che nel 1776 annuncio ai cittadini di Philadelphia la firma della Dichiarazione di Indipedenza, che sancì la definitiva volontà di emancipazione dal governo britannico.

Moratti premiato a Barga per Inter Campus

BARGA - Nel magico teatrino dei Differenti, famoso per il discorso storico di Giovanni Pascoli sulla grande proletaria, Massimo Moratti cerca di resistere alla folla dei barghigiani che lo venerano come San Cristoforo, il santo patrono che si celebra oggi.

Non dice niente su Balotelli e Maicon, si guarda bene dal raccontare a che punto sono le trattative per l' acquisto dell' olandese Kuyt e dell' uruguaiano Forlan. E non si sbilancia neppure in anticipazioni sul summit del giorno prima con Benitez.

Poi, però, davanti alle implorazioni e alle preghiere (persino quelle del sindaco Marco Bonini, Pd, che stragiura di essere interista sino all' osso), Massimo si fa santo e guardando dal palco la figlia che gli sorride, si scioglie.

Leggi tutto...

Garibaldi celebrato all'Onu

I love Garibaldi è la manifestazione di chiusura delle celebrazioni della nascita di Giuseppe Garibaldi iniziate nel 2007, che si terrà il 27 aprile all'ONU.
Il Comitato Nazionale per le celebrazioni del bicentenario della nascita di Giuseppe Garibaldi, presieduto da Andrea Marcucci, ha voluto ricordare l'eroe dei due mondi proprio nella prestigiosa sede delle Nazioni Unite.
Un giusto riconoscimento ad un grande uomo che fu strenuo sostenitore dei diritti dei popoli, sia dal punto di vista della liberazione dall'oppressione che dal punto di vista della liberazione sociale, aderendo così a principi di umanitarismo e cosmopolitismo. Il suo nome divenne presto nel mondo sinonimo di "eroismo, umanità, patriottismo, fraternità, pace e libertà".
Pochi sanno che ci una famosa corrispondenza di guerra tra Lincoln e Garibaldi. All'epoca della guerra di secessione i nordisti, in cerca di un generale che potesse guidare la battaglia, individuarono in Garibaldi che era -per così dire - già il personaggio storico dell'epoca, il candidato ideale.

Leggi tutto...

Ralf Gustav Dahrendorf, maestro di libertà

"Per un liberale è imprescindibile, la Democrazia è lo stato di Diritto".

E' l'impareggiabile lezione che ci ha trasmesso Ralf Gustav Dahrendorf, il grande filosofo tedesco, che non ha mai avuto paura di "sporcarsi le mani" con la concretezza della politica, oltre che con la teoria.

Dahrendorf fu infatti nel 1947 tra i fondatori dell'Internazionale liberale, l'organizzazione mondiale dei partiti di ispirazione liberale, deputato liberale nel parlamento tedesco nel 1967. Nel 1968 entrò a far parte del primo governo di Willy Brandt, e nel 1970 è nominato membro della Commissione della Comunità Europea.

Ma oltre alla coerente attività politica, al filosofo tedesco si deve la formulazione teorica del nuovo liberalismo. Scrisse Dahrendorf: "La prassi è inevitabilmente calata entro limiti temporali, la teoria è fondamentalmente svincolata dal tempo". Come la sua lezione che resisterà al passare degli anni.

Leggi tutto...