Elettorale

Marcucci risponde a Vivere Lucca

L'associazione Vivere Lucca ha diffuso una lettera appello in cui chiede ai candidati lucchesi di esprimersi su quattro questioni: la legge elettorale, le riforme istituzionali, il governo dell'Ulivo e il programma del PD per la giustizia economica

1) Il sistema elettorale

Sono integralmente d'accordo con la posizione che ha assunto il nostro partito, sulla riforma del sistema elettorale.

Come è noto, abbiamo fatto di tutto, ciascuno nel proprio ambito, per cambiare una legge ingiusta e che genera instabilità.

Lo verifichiamo anche in questi ultimi giorni di campagna elettorale, il nostro lavoro è più difficile, il "Porcellum" allontana i cittadini dalla politica e crea un meccanismo perverso che rende il paese di fatto ingovernabile.

E' un impegno che assumiamo come forza politica e come singoli candidati: cambieremo la legge elettorale, con l'obiettivo di restituire lo scettro nelle mani dei cittadini, con un sistema che nel contempo garantisca stabilità ed efficienza delle Camere. Sottolineo comunque lo sforzo che il PD toscano ha fatto nel presentare le liste: ogni provincia è rappresentata, per mantenere comunque un rapporto speciale con il territorio. Avrei preferito essere candidato scelto dalle primarie, non c'è stato il tempo di organizzarle, spero che sia davvero l'ultima volta.

 

Leggi tutto...

Marcucci risponde al Presidente della Provincia di Lucca

Il presidente della Provincia di Lucca Stefano Baccelli ha chiesto ai candidati lucchesi di tutti gli schieramenti di impegnarsi per sostenere un patto di solidarietà territoriale per sostenere l'attuazione del piano di mobilità per la piana lucchese.

La risposta di Andrea Marcucci

Il piano approvato nel marzo scorso è un atto concreto di governo del territorio, dopo anni persi nell'inseguire progetti non realizzabili.

Sono felice di rispondere all'appello del presidente Baccelli e di assicurare fin da subito il mio impegno nella prossima legislatura a fianco degli enti locali nel reperire i finanziamenti necessari allo sviluppo delle varie fasi del piano.

L'accordo siglato dalla Provincia con i Comuni della Piana, l'associazione industriali e la Camera di Commercio, nel mese scorso, è di straordinaria importanza per almeno due motivi. Il primo perché disegna finalmente il quadro di una mobilità efficiente, sostenibile e attenta al paesaggio.

Il secondo perché mette insieme, a difesa del lavoro, della salute e della qualità della vita dei cittadini e delle imprese, enti ed istituzioni di diversa appartenenza partitica. E' un modello virtuoso che rafforza la competività di Lucca e della sua provincia: lo abbiamo verificato anche con le celebrazioni di Giacomo Puccini e di Pompeo Batoni, insieme siamo più forti, insieme conquistiamo migliori opportunità per la nostra comunità.

Marcucci su Europa: La riscossa della cultura? Si può fare

Intervento di Andrea Marcucci su quotidiano Europa

La riscossa della cultura? In questi venti mesi di attività al servizio dei beni e delle attività culturali, insieme al Ministro Francesco Rutelli, ci siamo convinti che "SI può fare".

Il PD, dopo le elezioni del 13 e del 14 aprile, raggiungerà gli obiettivi che ci siamo prefissati: aumento degli investimenti nel settore- con un'attenta razionalizzazione delle spese- perché la cultura genera benefici all'economia ed efficienza delle istituzioni culturali.

 

Sono le condizioni essenziali per il rilancio del nostro patrimonio, che deve anche essere strettamente collegato alle politiche turistiche. Infatti è il binomio turismo cultura, la leva per generare la crescita del Pil e per rafforzare l'attrazione internazionale del sistema Italia.

Da questo punto di vista, uno dei provvedimenti più urgenti di cui il PD si farà carico riguarda la riduzione delle aliquote Iva al pari degli altri paesi europei per le nostre imprese turistiche e per i nostri prodotti culturali. In un periodo di tempo purtroppo così limitato, abbiamo comunque rimesso in moto la macchina, un lavoro che comincia a dare i suoi frutti e che soprattutto li darà nei prossimi mesi.

Innanzitutto con la riforma del ministero, ispirata al controllo dei meccanismi di spesa e alla gestione manageriale delle grandi istituzioni culturali. Una vera e propria nuova organizzazione per assicurare al paese la capacità di competere in un settore strategico come la cultura.

Dopo le elezioni Il PD ripartirà da qui: con noi al governo del paese la cultura non potrà più essere marginale.

Achille Serra e Andrea Marcucci per la sicurezza

La sicurezza al centro degli incontri elettorali odierni (martedì 25 marzo) del PD. L'ospite d'onore è Achille Serra, candidato al Senato in Toscana nel partito di Walter Veltroni. L'ex prefetto, accompagnato da Andrea Marcucci, Raffaella Mariani e Francesca Pacini, incontrerà gli elettorali a Montecarlo alle 19,30 al bar Carlo IV (via Roma), e alle 21 ad Altopascio nella sala Granai (piazza Ospitalieri).

 

"Abbiamo bisogno di recuperare i valori della comunità - dice l'ex prefetto -, gli stessi che portano a non delegare tutto alle forze dell'ordine, ma ad occuparsi di quei piccoli e grandi problemi su cui lo stato difficilmente può intervenire".

 

Sul fronte degli organici delle forze dell'ordine, il programma elettorale del PD prevede più uomini in strada, maggiori stimoli al personale, più poteri al comitato per l'ordine e la sicurezza, un effettivo coordinamento tra le forze dell'ordine.

Leggi tutto...

Con il Pd vincono Lucca e la sua Provincia

Andrea Marcucci, candidato al Senato nelle liste del PD, alla manifestazione d'apertura della campagna elettorale a Lucca.

Lucca, 13 marzo- "Nelle liste del Partito Democratico, Lucca è ben visibile. Abbiamo candidati che rappresentano il territorio e che nella prossima legislatura potranno far valere i problemi e le aspettative dei cittadini. Non mi pare che si possa dire la stessa cosa per il Popolo delle libertà".

E' l'esordio di Andrea Marcucci, candidato al Senato, nella manifestazione di apertura della campagna elettorale del PD, che si è svolta a Lucca alla Pia Casa il 12 marzo.

"In questi venti mesi di attività ai beni e alle attività culturali- ha detto Marcucci- abbiamo lavorato per rafforzare il ruolo internazionale della città e della sua provincia, stabilendo in modo particolare un metodo di governo e di collaborazione costante con tutti gli Enti, con i Comuni, a prescindere dal colore politico e con l'amministrazione provinciale. E' per questo che oggi possiamo vantare, pur in pochi mesi di attività, risultati lusinghieri, a partire dalle celebrazioni per Giacomo Puccini e Pompeo Batoni".