Lucca

MASSIMO IMPEGNO PER USCIRE DALL'EMERGENZA IN LUCCHESIA

Lucca, 26 dicembre-"Il nostro impegno deve essere rivolto alla dichiarazione di stato di calamità naturale che il governo dovrà concedere per tutta la provincia di Lucca, colpita dalle esondazioni del Serchio e dalle frane in Garfagnana. Da questo punto di vista speriamo che all'impegno del ministro Matteoli seguano i fatti". Lo ha dichiarato in una nota il senatore Andrea Marcucci (PD), a proposito del maltempo che ha colpito la Lucchesia. "Ora è il momento in cui tutti dobbiamo lavorare per riportare a casa i cittadini evacuati- ha proseguito il parlamentare- e per garantire la messa in sicurezza del fiume e del territorio. Certo è che qualcosa non ha funzionato sia nel sistema di prevenzione, sia in quello relativo alla gestione dell'emergenza. Nelle prossime ore, con l'intervento della Regione, della Provincia e di tutti i Comuni coinvolti, a partire da quello di Lucca- ha concluso Marcucci- dovranno essere assunte decisioni che assicurino maggiore sicurezza agli argini del fiume e a tutto il territorio provinciale".

TRAFORO TAMBURA: LA NUOVA CHIMERA DEL MINISTRO MATTEOLI

Lucca, 12 dicembre-"Il centro destra ha la cattiva abitudine di inseguire 'chimere'. Abbiamo perso anni per un progetto sbagliato quale era il Lotto Zero. Ora per non mettere mano al fondamentale intervento sugli assi viari di Lucca, il ministro Matteoli si inventa il traforo del monte Tambura". Lo ha detto il senatore Andrea Marcucci (PD), in merito alla dichiarazione del ministro delle infrastrutture che oggi ha riproposto il collegamento tra la Garfagnana e la Versilia. "E' una politica di soli annunci che serve a distogliere l'attenzione dagli interventi prioritari per questa terra- ha detto il parlamentare democratico- che questo governo temo non sia in grado di far partire. Sono mesi che il presidente della Provincia di Lucca aspetta invano una risposta dall'Anas sul piano preliminare della nuova viabilità della Piana di Lucca. E' questa infrastruttura che l'esecutivo deve finanziare . Inventare progetti futuribili e ambientalmente poco sostenibili, come quello ipotizzato per il traforo del Tambura, rischia di portare ad un nuovo gravissimo stallo".

OGNI ANNO UNA GRANDE MOSTRA A LUCCA

Lucca, 7 dicembre "Una grande mostra ogni anno in questo periodo, per andare incontro alle esigenze degli operatori turistici e per rafforzare il ruolo di Lucca quale meta culturale internazionale". Lo propone il senatore Andrea Marcucci (PD), segretario della commissione cultura a palazzo Madama.

"Mito e Bellezza, l'esposizione che svela il legame tra Napoleone ed Emile Maurice Hermès, coglie nel segno- dice il parlamentare- e offre in un periodo di bassa stagione una grande opportunità per visitare Lucca e la sua provincia. Una mostra importante, concepita durante il vertice Italia-Francia del 2006, che rende la città sempre più affermata come centro di studio su Napoleone. Dobbiamo ringraziare Roberta Martinelli e Velia Gini Bartoli per l'accuratezza del loro lavoro e per l'ostinazione con la quale hanno sviluppato questa raffinata produzione culturale".

Per Marcucci "è improprio qualsiasi paragone con l'esposizione che fu dedicata a Pompeo Batoni. La mostra sul pittore lucchese beneficiò di importanti finanziamenti grazie al trecentesimo anniversario della nascita. Inoltre l'artista era poco noto in Italia e molto apprezzato all'estero. Insomma c'erano tutte le condizioni per creare un evento culturale internazionale, che ha avuto il merito di riportare Lucca al centro della scena artistica, di valorizzare come merita palazzo Ducale e di far riscoprire un grande pittore".

Per il parlamentare democratico "è importante proseguire su questa strada, mettere insieme le risorse degli Enti e delle Fondazioni bancarie e continuare a promuovere Lucca quale itinerario culturale di alto profilo: le mostre a palazzo Ducale vanno indubbiamente in tale direzione".

VIA FRANCIGENA, DAL TRACCIATO SCOMPARE LA GARFAGNANA

Lucca, 23 ottobre- "Il master plan della Via Francigena presentato nei giorni scorsi dalla Regione Toscana ha escluso Valle del Serchio e Garfagnana dal tracciato ufficiale, inserendole tra gli itinerari minori e le Vie Romee. Nel 1997 invece la stessa Giunta regionale aveva correttamente valorizzato tale aerea, considerata dagli storici uno dei passaggi fondamentali dei pellegrini nel Medioevo". Lo ha detto il senatore Andrea Marcucci (PD) nel corso del convegno organizzato oggi da Assindustria su "Lucca e Venezia nel XIII". "Una decisione che mi auguro possa essere presto rivista- ha auspicato il parlamentare democratico- perchè la Francigena non è una strada ma un insieme di percorsi confluenti tra di loro in alcuni punti nodali e in questo contesto la Valle del Serchio è stata uno snodo fondamentale di passaggi e commerci, prova ne sono i numerosi hospitales presenti nel territorio". Per Marcucci "è una decisione da rivedere anche per ragioni di indirizzo politico.

Leggi tutto...

SEPULVEDA A CAPANNORI: EVENTO DI ALTO PROFILO

Lucca, 24 settembre- "Luis Sepulveda è uno degli autori più letti al mondo, la sua ultima fatica -peraltro già in testa alle classifiche di vendita- "L'ombra di quel che eravamo" è stata presentata nei giorni scorsi a Sarzana, Milano, Mantova, Genova, Perugia, Prato. In nessuna città mi risulta ci siano state contestazioni politiche ma solo buone recensioni e grande interesse del pubblico. Sono orgoglioso che il Comune di Capannori, con la collaborazione della Provincia di Lucca, sia riuscito ad organizzare un incontro con lo scrittore, al quale hanno partecipato centinaia di cittadini". Lo dichiara in una nota il senatore Andrea Marcucci (PD) in merito alla polemica del sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti sull'evento culturale . "In un'area come la nostra dove negli ultimi mesi registriamo la crisi del Teatro del Giglio, la progressiva chiusura delle sale cinematografiche, i tagli inferti alle istituzioni culturali- attacca il parlamentare democratico- si dovrebbero ringraziare il sindaco di Capannori ed il presidente della Provincia Stefano Baccelli per l'incontro con l'autore di "Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare". Sono convinto da sempre che Lucca abbia bisogno di eventi di alto profilo culturale e non di comparsate a programmi televisivi declinanti".