Partito Democratico

"ULTIMATUM AL PD"

Da La Nazione del 24 aprile 2010

FIBRILLAZIONI nel Pd locale per l'assenza di lucchesi nella nuova giunta regionale. Il primo a parlare dello smacco, lasciando intuire possibili ripercussioni, è il senatore Andrea Marcucci. E lo fa in questa intervista esclusiva.
Senatore Marcucci, nella nuova giunta Rossi, nemmeno un assessore del nostro territorio....
«Escludere Lucca dalla presenza in giunta è stato un errore. Rossi ha tutto il diritto di esercitare in piena autonomia le sue scelte, però trascurare una provincia così importante sia per numero di abitanti, sia per tessuto produttivo non trova giustificazione. Ora tocca ai consiglieri regionali eletti nella nostra provincia il compito di incalzare la giunta e di far valere le ragioni di Lucca e del suo territorio. La responsabilità ricade in particolare su Remaschi e Pellegrinotti».
Eppure Rossi ha avuto un buon risultato anche nella bianca Lucca, nonostante non abbia voluto spostare l'ospedale da San Filippo.
«Rossi è stato un ottimo amministratore e sarà un buon presidente. La scelta di spostare l'ospedale e di finanziare un nuovo polo sanitario moderno resta una decisione importante. Dal punto di vista politico però, deve evitare di crogiolarsi nelle sue sicurezze: dà l'impressione di chiudersi nel fortino del consenso targato Pci-Pds-Ds e su questo non può trovarmi d'accordo. 

Leggi tutto...

"IL 28 E 29 MARZO SCRIVI PARTITO DEMOCRATICO"

L'appello di parlamentari e amministratori democratici

"IL VOTO ALLE REGIONALI SERVE ANCHE A VINCERE IMMOBILISMO GIUNTE PDL"

Lucca, 26 marzo- "Il voto al candidato del centro sinistra Enrico Rossi, alle liste del Partito Democratico, è particolarmente importante per Lucca e per la sua provincia".

Comincia così un appello firmato dai parlamentari Raffaella Mariani, Manuela Granaiola e Andrea Marcucci, dal presidente della Provincia di Lucca Stefano Baccelli, da numerosi sindaci della Versilia, della Piana e della Valle del Serchio tra i quali il primo cittadino di Capannori Giorgio Del Ghingaro e dai presidenti delle Comunità montane.

Leggi tutto...

"LA CANDIDATURA DI STELLA TARGETTI: UNA SCELTA FELICE"

Firenze, 24 febbraio- "La candidatura di Stella Targetti come vice presidente della Regione Toscana presentata oggi da Enrico Rossi è un'ottima notizia. Una professionista valida che viene dal mondo dell'impresa e che contribuirà a dare concretezza all'azione di governo della Toscana". Lo ha dichiarato in una nota il senatore Andrea Marcucci (PD).
"Una scelta felice - ha proseguito il parlamentare- che va nella giusta direzione di costutire una squadra che dovrà essere competente, esperta ed innovativa. Alla decisione comunicata oggi da Enrico Rossi va tutto il mio plauso".

PRIMARIE IN TOSCANA: LA VITTORIA DI REMASCHI

Lucca, 14 dicembre- "Quando il PD è davvero radicato nel territorio e sa parlare la lingua dei cittadini che rappresenta, i risultati arrivano sempre. Per questo credo che siano importanti per tutti la netta affermazione di Marco Remaschi, la buona prova di Ardelio Pellegrinotti e degli altri candidati. Dal voto di domenica emerge un PD a vocazione pluralista, con un'area liberal democratica sempre più essenziale". Lo ha detto il senatore Andrea Marcucci, commentando il voto per le primarie del Consiglio regionale della Toscana. " Le consultazioni hanno premiato la provincia di Lucca nel suo complesso , Remaschi è il terzo più votato in regione- ha spiegato il parlamentare- una responsabilità importante per tutto il partito, che dovrà far pesare adeguatamente il proprio ruolo e la propria capacità di essere espressione di una comunità che vuole contare in Toscana. Sono certo che Marco Remaschi continuerà ad essere un punto di riferimento per tutti. D'altra parte , il consenso diffuso su tutto il territorio è la conferma di un lavoro efficace ed una buona premessa per il futuro"

FIDUCIA NEL PROGETTO, DIAMO TEMPO A BERSANI

Roma, 28 ottobre- "Le primarie hanno dimostrato il radicamento del Partito Democratico e la vitalità delle molte anime che lo compongono. A Pierluigi Bersani spetta la responsabilità di difendere l'unità del partito e la sua vocazione pluralista". Lo afferma in una nota il senatore del Pd Andrea Marcucci.
"Per quanto mi riguarda - continua Marcucci - sono stato eletto all'assemblea nazionale: significa che credo ancora nel progetto di una cultura politica nuova, capace di includere e non di escludere, in grado di tenere insieme idee e valori che provengono da tradizioni diverse e di sviluppare un confronto aperto e originale. Bisogna lasciare il tempo necessario al segretario Bersani di elaborare la sua proposta politica e le sue linee programmatiche. Mi aspetto che il profilo liberaldemocratico del PD venga rafforzato, ed è su questo parametro che orienterò le mie valutazioni".
"Tre milioni di elettori meritano rispetto - conclude Andrea Marcucci - ed è doveroso assicurare al nostro segretario il credito indispensabile per mettere in campo con autorevolezza una strategia politica condivisa e autenticamente riformista"