Senato

POMPEI CADE A PEZZI, BONDI SI FACCIA DA PARTE

bondiRoma, 1 dicembre- "Pompei sta letteralmente cadendo a pezzi, i cedimenti sono ormai quotidiani. Per dignità e responsabilità politica il ministro Bondi deve rimettere il suo mandato. In questo modo può essere lui a provocare un salutare cambio di marcia sull'importanza degli investimenti nei beni culturali".

Lo sostiene il senatore Andrea Marcucci (PD), segretario della commissione cultura a Palazzo Madama in merito al crollo di altri due muri nell'area archeologica.

Leggi tutto...

MUSEO DELLA SCIENZA PREMIATO MA NON DAL GOVERNO

galileoRoma, 24 novembre- "E' un tipico paradosso dell'Italia di oggi. Il Museo della Scienza di Firenze viene premiato museo dell'anno come miglior gestione. Nelle stesse ore la finanziaria, che non prevede risorse per gli istituti culturali, condannerà tra gli altri il Museo Fiorentino ad un 2011 di nuovi tagli".

Lo ha dichiarato, in una nota, il senatore Andrea Marcucci, responsabile cultura per il Pd della Toscana, in merito al riconoscimento del Comitato italiano dell'International Council of museums.

"Già nell'anno in corso, nonostante la riapertura, il Museo Galileo ha avuto una diminuzione del contributo pubblico del 15%. Per il 2011- ha spiegato il parlamentare- si attende un ulteriore riduzione pari ad un finanziamento che si attesterà intorno ai 95 mila euro. E' un caso eclatante dell'ingiustizia dei tagli lineari voluti da Tremonti e Bondi, che colpiscono pesantemente strutture meritevoli come il Museo della Scienza.

Leggi tutto...

RIFORMA FORENSE, ILLIBERALE E CORPORATIVA

avRoma, 23 novembre- "Una vera e propria controriforma di impronta illiberale, che tenta di chiudere ai giovani l'accesso alla professione, e che vanifica la competitività a danno della clientela".
Lo ha detto il senatore Andrea Marcucci (PD), preannunciano il voto contrario al disegno di legge dell'ordinamento forense, in esame a Palazzo Madama.
"Il ripristino dei minimi tabellari influenzerà pesantemente il libero mercato, costituendo un muro invalicabile per i giovani professionisti, che proprio grazie all'assenza delle tariffe, erano riusciti a diventare concorrenziali. E' una norma- ha spiegato il parlamentare- che porterà inevitabilmente ad un aumento dei costi a carico dei cittadini. Particolarmente grave anche il principio della continuità professionale. Grazie a questa controriforma- ha concluso Marcucci- sarà possibile per la prima volta la cancellazione d'ufficio dall'albo. Dal Senato esce una legge fortemente corporativa, in controtendenza rispetto alle normative europee"